E' noto che l'idea di perforare i francobolli con le iniziali di ditte o con determinati marchi per prevenire furti o usi illeciti, venne ad un personaggio di nome Sloper che nel 1868 ottenne l'autorizzazione dalle poste inglesi ad applicare concretamente la sua invenzione.
Negli anni seguenti, il sistema si diffuse gradualmente in molti paesi in cui le aziende avevano sicuramente problemi analoghi alle ditte inglesi, e in Italia fu  autorizzato l'uso dei francobolli perforati a partire dal 1882.
Sette anni pi?tardi questa facolt?venne inserita in via definitiva nel Codice Postale, ed ancora oggi sussiste la possibilit?di perforare i propri francobolli, anche se da diversi anni il procedimento ?poco utilizzato.
Salvo qualche eccezione, i francobolli perforati sono stati sempre considerati in tutto il mondo come  rovinati e inservibili a scopo filatelico, perci?sono stati in gran parte distrutti.
Da non molti anni ci si ?per?resi conto dell'interesse filatelico e storico-postale che rappresentano i perfin e si ?cominciato a collezionarli e ad inserirli nelle collezioni tematiche e di storia postale.
Una collezione di perforati staccati mira di solito a raccogliere il maggior numero possibile di sigle diverse, ma pu?avere anche altri obiettivi, come il completamento di serie composte di soli francobolli perforati, o il reperimento del massimo numero di francobolli differenti recanti la stessa sigla, o altro ancora.
Naturalmente i francobolli perforati sono di gran lunga pi?interessanti se ancora applicati su documenti originali ma, salvo quelli di alcune principali banche, non sono affatto comuni, data la sistematica distruzione subita in passato.
In Italia, oltre i francobolli ordinari e commemorativi, sono stati perforati molti francobolli speciali per i servizi e per i pacchi postali.
Diversi di questi utilizzi sono assai interessanti per i cultori di storia postale, come anche molti usi anomali, riutilizzi e frodi, in cui sono stati impiegati francobolli perforati.
Il nostro gruppo si ?appassionato da tempo allo studio del settore, e con la collaborazione di molti collezionisti di vari paesi, ha realizzato il "Catalogo dei PERFIN ITALIANI", edito da VACCARI s.r.l. nel Settembre 2009.
Abbiamo anche divulgato parecchi articoli specializzati per approfondire vari aspetti dell'argomento e ci proponiamo di tenere vivo l'interesse sui perforati, promuovendo nuovi studi e l'aggiornamento periodico della nostra catalogazione in base alle continue nuove scoperte.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Not only replica watches uk designs are similar to the originals; even the weight of replica watches are equal to weight of the originals, thus making it more difficult to set them apart from the originals. Therefore, it can be said that just like originals that require quality investment at one time, rolex replica also require one time but a fraction of investment as these watches are less expensive than the originals. So, if you have planned to purchase these replica watches, then search through internet. By making fake breitling search at the internet, you will come across several websites that are providing different kinds of swiss replica watches at affordable rates.